re: like a rolling stone….

Domattina si parte per Londra, dove da mesi stiamo aspettando un concerto che fa storia, dopo 44 anni i Rolling Stones suonano nuovamente ad Hyde Park a Londra, con oltre 130.000 persone a cantare le loro canzoni di tante diverse generazioni.E’ la quinta volta che riuscirò a vedere i Rolling Stones, già dalla prima nessuno avrebbe mai scommesso ce ne sarebbe stata una seconda, perchè Mick Jagger & Co. erano invasi anima e corpo da qualsiasi cosa li facesse “stonare”.

Non mi dilungo tanto nella loro storia perchè ogni persona al mondo credo ne conosca, anche un poco, la scia che hanno lasciato ovunque, con pezzi di musica che hanno fatto la storia!

Il mio ricordo forte ed intenso è stato con mio fratello Taffy, che ci ha lasciato nel 1977 e con il quale ho per la prima volta ascoltato i Rolling Stones.

Taffy aveva 7 anni più di me e aveva 21 anni allora, e ricordo che mentre stavamo andando a preparare lo stand ed esibire la società dell’altro mio fratello Kim, a Parigi, al Pret a Porter, aveva il classico mangianastri a pile (grosse) e la cassetta di Let_It_Bleed   dei Rolling Stones.

Volkswagen VW Hippie Bus Peace Sign Van Vanagon Car 3D Sign Wall Art Groovy

Avevamo un  Volkswagen VW  Van Vanagon e ricordo che da Milano a Parigi, siamo riusciti ad ascoltare quella cassetta davanti e dietro (il mangianastri della Panasonic aveva già il “reverse”) per tutto il viaggio. E allora era un viaggio davvero, senza autostrada fino a Macon, su e giù per le montagne, laghi e code infinite.

Non male per essere totalmente innamorati dei Rolling Stones, e quando partiva Sympathy for the Devil, iniziavamo gli “wow” “wow” in coro che coprivano praticamente il suono del mangianastri, per non parlare di quando le enormi batterie si stavano scaricando, allora cercavamo di spingere il mangiacassette!

Sto portandomi dietro da tutta la vita quei ricordi e i Rolling Stones, che mi hanno accompagnato passo per passo fino ad oggi e che ho un grande onore nel poterli rivedere dal vivo, domani.

Ma quello che mi entusiasma di più, è il fatto di avere portato la Mamma di mio Figlio a vederli a San Siro qualche anno fa, che alla prima mia entusiasta affermazione di aver trovato miracolosamente i biglietti mi guardò quasi di traverso e disse ” I Rolling Stones? Ma ce la fanno ancora a stare in palcoscenico?” per poi saltellare con me tutto il concerto ed alla fine quasi più stanca di loro 🙂 e portare domani MIO figlio a vedere i Rolling Stones…. qualche generazione di mezzo e il sapere che quando li vedrà venire fuori sul palcoscenico, con 130 mila persone intorno, e con la grande, inesauribile forza che hanno dentro ovunque, rimarrà “colpito” e sarà una immagine che porterà nel suo cuore tutta la vita!

……..like a Rolling Stone!
20130403-191821
Annunci

re: allenamenti estivi

In questi giorni, anzi, da quasi un mese, sto preparando una nuova sfida, la Maratona di Chicago, il 13 Ottobre prossimo.

Ho cominciato gli allenamenti un mese prima esatto delle “solite” 12 settimane perchè volevo sentire come andava il corpo e se la testa se la sentiva di riprendere a fare chilometri.

La settimana scorsa sono arrivato a 62K percorsi e questa, manca ancora Domenica prossima, dovrei chiuderla con altri 55K per poi la settimana prossima arrivare a 67K e così via.

Nonostante stia uscendo abbastanza tardi al mattino perchè mi manca ormai da tanto tempo il sonno, il caldo, pur peggiorando le prestazioni, non è più un antagonista come qualche anno fa, quando non mi piaceva, mi rallentava in maniera stravolgente e di fatto il morale andava sotto i piedi.

Non sapevo ancora che tutto ad un tratto, si riscopre a Settembre che invece i tempi sono buoni, e che l’allenamento ha fatto i suoi frutti, portando la prestazione atletica a quel momento che penso ogni Maratoneta senta, lo status perfetto.

Ecco non vedo l’ora arrivi quel momento, quando ti senti pronto per la prestazione, quando la voglia di correre ti esce dalle gambe e l’entusiasmo e le endorfine si spargono tutte intorno a tutto il corpo “infettando” chi ti sta vicino 🙂

Buone corse a tutti!

 

 

CAP_2003

re: 2 anni – 2 years

Sono passati in un attimo, non me ne sono nemmeno accorto.

Quando una persona muore, per ognuno di noi, rimane un vuoto dentro,  pieno di emozioni, ricordi, riflessioni; un dolore che solo chi sta vivendo “quella” tragedia, sa sentire e provare perchè ognuno di noi porta dentro il suo, con i suoi morti.

Lo stacco da questa terra è sempre una tragedia, qualcosa vissuto quasi sempre e solo, dalla nostra cultura, come “solo” una perdita.  L’attaccamento, il materiale ci portano a viverla come la più grande disperazione ma in questo ci deve essere anche una porta aperta al coraggio di accettare un “passaggio”, si deve trovare anche la gioia, l’amore.

Ecco questo mi sento di dire, qualcuno la chiama fede, qualcuno credere in qualcosa al di fuori della nostra portata, c’è chi lo identifica in Dio, chi in Buddha o in Allah, ma la strada è sempre la stessa, la ricerca di noi stessi nel trovare quella pace che sappia portarci via senza che le mani si attacchino troppo a questo terreno, perchè non è nostro, è solo un punto di passaggio.

Da questa riflessione mi piace ricordare ciò che una persona ha lasciato  a quelli che sono rimasti in vita, e non sono solo dolori ma anche una immensità di stimoli a proseguire questa difficile ma inestimabile vita, piena di valore, di valori, di persone da amare.

Oggi desidero ricordare Elisabetta per quello che ci ha dato, per quello che ha saputo passarci come testimone: un insegnamento di umiltà e coraggio immensi.

Spetzes - Aug. 2005

Attraverso le azioni ed il comportamento di una persona, seguono altre azioni ed altri comportamenti di altre persone, che portano avanti ideologie, usanze, abitudini, modi di essere e di pensare, saggezza, cose che ci sono state insegnate anche da grandi personaggi della storia e nomino Gandhi per l’enorme ammirazione che nutro nei suoi confronti e per il quale una intera nazione si mosse con lui per liberare una India  pronta a camminare da sola.

Ecco, Elisabetta, nel nostro piccolo, ci ha insegnato questo, a camminare, a perseguire quelli che sono i nostri scopi e principi, a procedere con il “petto in fuori” il cammino di questa vita, nonostante le difficoltà che si incontrano, ad insegnarci a spostarli, con diligenza e rispetto e non con cattiveria e disprezzo.

Quella bella frase scritta per mio Padre ed ora anche per Lei, “Sempre con noi” è il simbolo di quanto sopra, il fatto che in questi due anni, seppur difficili, siamo riusciti a nominarla, sorridendo, scherzando e non solo piangendo, tutti i giorni, in mille occasioni, apre questa bella energia, che non vediamo, tocchiamo più, ma che nei nostri cuori sentiamo… “sempre con noi” !

Che questo anniversario, sia di ispirazione per la mia Famiglia, a questi bei pensieri, e a quel suo bel sorriso, nel vederci così come siamo.

Ciao Cerbiatto!

_______________________________

“Lullaby”

Dear, my lovely Dear

Listen to the heart….listen Dear

What kind of realtionship

What kind of relationship

Come, sleep

Why aren’t you listening to me?

My child

Help him to sleep

In the land of dreams

Let me take you

I shade you with stars

Let me take you

________________________________

Thank you to: “Ustad Shujaat Husain Kah”

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

ENG

It’s been in a while, I have not even noticed.When a person dies, for each of us, there remains an emptiness inside, full of emotions, memories, reflections, a pain that only someone who is experiencing “the” tragedy, knows, hear and feel because each of us carries inside her, with his dead.The detachment from the land is always a tragedy, something almost only ever lived, our culture, such as “only” a loss. The attachment, the material lead us to live as the greatest despair but in this there must also be an open door to the courage to accept a “passage”, you must find the joy, love.

That’s why I feel like saying, someone called faith, someone to believe in something outside of our reach, there are those who identifies God, or  Buddha or Allah, but the way is still the same, the search for ourselves in finding that peace that knows how to get us out without hands from sticking too much to this land, because it is not ours, it’s just a transit point.

From this reflection I like to remember what a person has left those who remained alive, and they are not only pain thoughts but also an immensity of inspiration to continue this difficult but invaluable life, full of value, values, people to love .

Today I wish to remember Elisabetta’s for what it has given us, for what she has been able to pass as a witness: a lesson in humility and immense courage.

Through the actions and behavior of a person, followed by other actions and other behaviors of other people, who carry ideologies, customs, habits, ways of being and thinking, wisdom, things that we were taught as well as important historical figures I mention Gandhi and the enormous admiration that I have for him and for which an entire nation moved with him to free a India ready to walk alone.

Here, Elisabetta’s, in our small, has taught us this, to walk, to prosecute those who are our aims and principles, to proceed with the “chest out” the journey of this life, despite the difficulties encountered, such teach us to move with care and respect and not with malice and contempt.

That beautiful words written by my Father, and now even for you, “Always with us” is the symbol of the above, the fact that in these two years, altough difficult, we were able to name her, smiling, joking and not just crying, all days, in many occasions, opens this beautiful energy that we see, touch more, but in our hearts we feel … “always with us”!

May this anniversary, be an inspiration to my family, these beautiful thoughts, and  her beautiful smile, to see us, as we are!

Hello Fawn!

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Forever Asleep

Ramblings of a 20 something about health, weight loss, books, movies, and life

Initiation

Sharing the light - Removing the veils

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

Kinky and Fashion

Recensioni, consigli e idee sulla moda Fetish