re: corso di YOGA a Camerino – Marche –

Namastè dalle verdi e dolci colline Marchigiane e dal Convento di Camilla Battista da Varano, notizia per i Famigliari ho scoperto da mia mamma che il nonno Amato ha studiato ed è diventato ragioniere quì a Camerino, vivendoci 4anni, e mi trovo quí.. Incredibile!

Stamattina ho dedicato la mia corsa a lui, che non ho potuto mai conoscere, morì 12 anni prima che nascessi io…

Era peró la prima volta che lo facevo e questo avvicinamento mi ha fatto molto riflettere sulle cose vicine e lontane ed in quanto le stesse, in base alla distanza, possano effettivamente fare la differenza nell’ascolto..

Credo che questa parte sia una riflessione da fare nel prossimo futuro con costanza perché la maggior parte dei condizionamenti, almeno per quanto mi riguarda, arriva dalle cose che vedi e senti vicino.

Quelle lontane, le dimentichi, non le vedi o non le rammenti e quindi non ti portano il dolore che nel caso opposto si sente costantemente.

Forse siamo portati egoisticamente a volere ascoltare ‘solo’ ciò che ci è più vicino, altro motivo di riflessione.

Sto correndo come tabella di Fulvio, salvo il fatto che abbinandole a 5 ore di YOGA giornaliere mi sento abbastanza cotto ogni tanto.

Ieri sono stato ospite del CUS di Camerino, e devo fare i complimenti a tutta l’organizzazione per come tengono i campi, la struttura sportiva e ovviamente la pista di Atletica Leggera che era un gioiello, bravi e poi bravi, complimenti!

Ospitalità perfetta e gente con un cuore che a Milano ci siamo dimenticati di avere.

Non mi sento di parlare di YOGA, dopo 4 giorni, seppure intensivi, non mi sento di dire nulla, salvo il fatto che abbiamo una ottima insegnante, Karin Montali, calma, con i piedi per terra (quando non fa YOGA 🙂 e sulla stessa linea d’onda di tutti, e questo è un must, da quello che ho potuto capire da altri allievi.

Quello che ho percepito, dopo tanti anni, è il fatto che riesco a tenere le spalle dritte e mi sento snodato come non lo sono stato fin da piccolo e credo che questa cosa sará di grande aiuto anche nella postura della corsa, in quanto come sempre, lavoriamo sulle parti basse tralasciando la parte alta del nostro corpo.. e si vede!

Prossime riflessioni appena riesco a capire cosa sto facendo, ma forse tutta una vita non basta ? 🙂 andiamo avanti…

20120817-140332.jpg

Annunci

re: il metodo “Rotta”

Da qualche anno, ho conosciuto una persona in gamba (è il caso di dirlo!) che si chiama Adolfo Rotta, ed  oltre ad essere un bottoniere come lo è stata la mia Famiglia da oltre 70 anni, è il Presidente della Pro Sesto Atletica, della quale faccio parte anche io.

Un giorno, mentre stavo riscaldandomi per correre la Maratona sul Naviglio di cui è l’organizzatore, mi disse una cosa importante:

” Ricorda sempre di fare gli allenamenti e spezzare circa alla metà, andando a passo veloce e facendo tornare il cuore ad un battito sotto i 110 al minuto; dopo riprendi”

E così sto facendo, quando Fulvio mi fa un allenamento di 12 K con varie andature, oppure di 10K o di 30K nel preparare una Maratona, almeno una volta, circa a metà, rallento, prendo un passo veloce e, avendo settato il Garmin ad avvisarmi quando scendo sotto i 109, attendo che arrivi il segnale, ascoltando il mio cuore riprendere fiato e approfittando del momento anche per sciogliere i pensieri e prendere un attimo di relax, anche se la attività podistica dovrebbe essere sempre un relax, questo momento è particolarmente rilassante.

Adolfo mi spiegava, che in base alla sua lunga esperienza agonistica e non, il cuore, l’allenamento, la testa e tutto il nostro corpo, hanno un forte beneficio da questo metodo in quanto è la base di un vero e proprio rinforzo del cuore e di tutto quello che ci gira intorno!

Questa cosa la faccio anche in gara… particolarmente nella Maratona, dove al 30mo, muro dei muri! rallento per bere e mangiare e abbassare il battito del cuore. Riprendo la corsa sentendomi molto meglio.

Grazie Adolfo di aver condiviso questo “metodo” che applico costantemente ogni giorno, ogni allenamento, pensandoti!

Forever Asleep

Ramblings of a 20 something about health, weight loss, books, movies, and life

Initiation

Sharing the light - Removing the veils

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

Kinky and Fashion

Recensioni, consigli e idee sulla moda Fetish